Archive from aprile, 2008
Apr 28, 2008 - Utilità    1 Comment

La gomma che ripara da sola la foratura

La chimica Moderna 
Fino a qualche anno fa poco più di una curiosità da laboratorio, i nanomateriali sono ora molto meglio compresi e cominciano ad affacciarsi alla dimensione industriale, portando con sé le loro proprietà sorprendenti e i loro comportamenti anti-intuitivi. Il mondo delle dimensioni “nano” (dell’ordine del miliardesimo di metro, ovvero un milionesimo di millimetro) è infatti governato da leggi fisiche piuttosto diverse da quelle usuali, legate ai principi della meccanica quantistica. In base ai quali può anche essere “normale” che un materiale sia in grado di “ricucire” da solo una lacerazione o un taglio. Come fa il nuovo materiale, frutto di una ricerca francese guidata da un docente della Scuola Superiore di Fisica e Chimica Industriale di Parigi (ESPCI) e ricercatore del CNRS, il Consiglio Nazionale delle Ricerche francese, fa parte di una nuova classe di materiali “sovramolecolari”, diversi dalle classiche gomme ma dotati di proprietà molto simili.
 
Elastometro: ultima scoperta
Nelle gomme le proprietà elastiche discendono da quelle di grandi macromolecole ramificate, mentre generalmente le strutture basate su piccole molecole tendono a formare reticoli cristallini, troppo regolari e rigidi per poter essere inflesse ed allungate se non in presenza di forze molto consistenti. In questo caso, invece, i ricercatori francesi sono riusciti a realizzare sovra-strutture a rete (“elastometri”) basate su piccole molecole compatte, costituite da acidi grassi (componenti comuni e fondamentali dei lipidi, o grassi in gergo, che 3e4b5d8a57211091598c544f0c9dbe08.jpghanno proprietà acide, cioè la capacità di attrarre elettroni o cedere protoni a seconda del sistema di riferimento per formare dei legami). Gli acidi grassi possono avere struttura ciclica, cioè formare degli anelli e di conseguenza occupare poco spazio. Nel caso degli elestometri gli acidi possono anche formare legami con gruppi amminici, molecole formate da carbonio, idrogeno ed azoto che appartengono alla classe dei “radicali”, in grado di formare legami che attribuiscono proprietà diverse alle molecole a cui si uniscono e che sono anche detti gruppi funzionali. Gli elastometri possono formare collegamenti incrociati, che realizzano la rete molecolare e fanno comportare il materiale come una gomma. Questa però possiede proprietà auto-riparanti in presenza di un taglio, poiché l’intera molecola contiene i cosiddetti “legami ad idrogeno”, cioè punti in cui l’atomo d’idrogeno, che ha assunto carica positiva, si lega con altri radicali o gruppi funzionali con carica parzialmente negativa per dare una situazione di equilibrio elettrostatico: la carica è neutra. Quando i legami si spezzano sui due lati della lacerazione si ritorna alla situazione in cui sono presenti delle cariche positive e delle cariche negative che si attraggono naturalmente, formando nuovi legami ad idrogeno e riportando la molecola nelle condizioni iniziali. Insomma una reazione che consente alla gomma una sorta di “riparazione fai da te”, grazie alla naturale tendenza della molecola a ricomporsi in caso di rottura.
 
Come funziona
Basta mettere a contatto le due facce ed aspettare un po’ di tempo perché i legami interrotti si ricostituiscano; l’aspetto notevole è che il processo avviene anche a temperatura ambiente, e rimane possibile fino ad una settimana dalla separazione fisica delle due superfici, prima che i legami idrogeno diventino inattivi. Dal momento che solo le superfici con interruzioni nette 7a24f69dd380152c8e9107b6e8916c4a.jpg(tagli o lacerazioni) tendono a ricomporsi, questi materiali non hanno proprietà adesive: la saldatura avviene solo tra superfici che erano state precedentemente unite, e non tra due bordi qualunque. L’impiego di acidi grassi con gruppi ammidi-ammidoetile (cioè che si legano ad un gruppo amminico, oppure ad un gruppo unito ad uno o più gruppi etile, piccole molecole formate da due atomi di carbonio e cinque di idrogeno sempre della classe radicali o gruppi funzionali, da cui derivano gli impronunciabili nomi di imidazolidone, diamido-etilurea e diamido-tetraetil-triurea) apre nuove strade dal punto di vista chimico industriale. Per questo l’azienda francese Arkema ha già annunciato piani di sviluppo di prodotti commerciali basati sulla tecnologia “sovramolecolare”. Non è la prima volta che si individuano materiali con queste proprietà, ma il grande vantaggio di questi nanomateriali sui loro predecessori è di avere una chimica semplice, per di più compatibile con l’impiego di fonti biologiche, come l’olio vegetale. Non è ancora chiaro se e in quale misura questi materiali riusciranno a rimpiazzare le gomme tradizionali; forse è poco probabile che raggiungano la sofisticazione e le prestazioni necessarie per l’impiego negli pneumatici, ma per impieghi meno critici possiamo cominciare a sperare che, in un futuro non troppo lontano, non sarà più necessario buttare via una parte in gomma solo perché tagliata.
 
by A l d O b l A 
Apr 26, 2008 - Senza categoria    No Comments

Foto Madonna Vergadoro – 24.04.2008


I Motociclisti rombanti scortano la Madonna di Vergadoro

Apr 22, 2008 - Senza categoria    No Comments

Foto Rossano/Roggiano/Rogliano – 20.04.2008


La prima trasferta a lungo raggio dei Makalla Bikers, con conseguente ritiro di premio

Apr 14, 2008 - blog life    1 Comment

Elezioni del Presidente Moto Club “Rombo di Makalla” – risultati

Al grido di “Per una Strongoli piena di motociclisti!!!” il nostro presidente Carlo Rogliano è riuscito a portare a casa il risultato che tutti quanti pronosticavano.

Il presidente è stato ampiamente riconfermato alla guida del Moto Club, la percentuale dei votanti è stata larghissima ed i consensi che ha ricevuto sono stati oltre l’80%, segno che i soci vogliono alla guida una persona capace, e con un impegno costante.

La campagna elettorale è stata estenuante, non sono mancati i colpi bassi da parte dei componenti delle altre liste per screditare il nostro amato Presidente, ma i soci con il loro ampio consenso hanno voluto dimostrare che il Presidente è stato, è, e sarà sempre Carlo Rogliano.

Dopo le elezioni i candidati hanno così commentato:

– Cognato del Presidente “devo ammettere che mio cognato è il più adatto a ricoprire questo ruolo, la gente non mi ha votato, quindi raccolgo i cocci e posso solo augurare un in bocca al lupo al presidente, che continui su questa strada (tanto la tessera non me la farò mai!!!)”;

– Lanieri Natalino “Ho tentato in tutti i modi di contrastare il forte potere che Carlo esercitava sui soci, anche tirando dei colpi bassi, ma purtroppo ho dovuto constatare che il consenso che Rogliano ha se lo è guadagnato sul campo, ed io devo lavorare ancora molto per poterlo scalzare dal ruolo che ricopre. Spero solo che il “nostro” presidente possa impegnarsi affinchè il raduno venga svolto alla Marina di Strongoli ed affinchè possa portare nel nostro comune i tanto agoniati bagni chimici”;

– Zio Enzo Cerenzia “Devo ammettere che sono stato un pò polemico in campagna elettorale, poichè ho cercato di inserire nelle liste altri candidati (Rafelo, Fronzo, PantaBiker) che sicuramente avrebbero rubato voti al nostro Presidente, però a conti fatti devo solo constatare che il popolo ha voluto Rogliano e Rogliano avrà. Io spero solo che possa portare più Harley nel nostro paese, ed adesso l’unica cosa che ho in mente è la poltrona di vice Presidente del moto Club, poichè l’attuale Vice Calizzi ha tentato di pugnalarmi alle spalle fin dall’inizio di questa sofferta campagna elettorale”.
Avete acoltate dalla viva voce dei canditati i commenti alla sconfitta elettorale, una cosa è certa, tutti quanti hanno ammesso la schiacciante sconfitta ed adesso devono sottostare al potere anarchico e decisionale del nostro Presidente.
Ma adesso sentiamo dalla sua viva voce il commento a questa vittoria:
– Presidente Carlo Rogliano “Sono euforico di questa schiacciante vittoria, non ho mai avuto dubbi sulle mie potenzialità e l’ho dimostrato con oltre l’80% dei suffragi. Ma adesso sentitim a mia, non bisogna cullarsi sulla vittoria ma rimboccarsi le maniche perchè noi 4 siamo e dobbiamo organizzare tutto noi. Il nostro slogan è stato “per una Strongoli piena di Motociclisti” ed io mi impegnerò affinchè la moto diventi un bene primario ed in tutte le famiglie ci sia l’acqua, la luce, il gas ed una motocicletta. Un ringraziamento particolare va al nostro segretario per la stupenda campagna elettorale, per i volantini, i manifesti elettorali ecc., inoltre ringrazio i miei figli che mi hanno sempre supportato. Grazie a tutti.

Come avete potuto notare dall’intervista il nostro presidente è contentissimo di questa vittoria e sono sicuro che i voti ricevuti gli daranno maggior stimolo per continuare nel proprio intento, quello di rendere Strongoli un paese con la più alta densità motociclistica della Provincia di Crotone.
Un saluto a tutti
53e844d8a4d5638dcf202606b6c2fafd.jpg

by A l d O b l A

Apr 8, 2008 - blog life    10 Comments

Elezioni del Presidente Moto Club “Rombo di Makalla”

Cari amici ci siamo, il 13 ed il 14 Aprile andremo a votare il ns. nuovo Presidente del Moto Club “Rombo di Makalla”. I candidati sono 4, e ve li presento di seguito:

Il Presidente uscente Rogliano Carlo, logicamente si ricandida per la seconda volta, visto che il proprio operato è stato eccellente ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. La sua lista è la n° 04, ultima per ordine ma, secondo me, prima per consensi dei soci. Il Presidente è spalleggiato dal fedele segretario,dai suoi due figli e da una folta schiera di ultrà, come Genio, Francesco il cugino, Vincenzo ecc. La battaglia sarà dura, i candidati delle altre liste sono più agguerriti che mai però il nostro Presidente ha in mente tantissime idee per il nostro Moto Club e logicamente tiferemo per lui.

Per la lista n° 01 il candidato alla carica di Presidente è il cognato del Presidente stesso, quindi una lite in famiglia, i voti sono da dividere, ma il cognato parte svantaggiato poichè non ha un numero di cellulare…. Il cognato del Presidente non ha “Lupi dietro le spalle”, quindi è un handicap per lui e sicuramente racimolerà pochissimi voti (nemmeno il suo, non ha la tessera e quindi non può votare).

La lista n° 02 è capeggiata dal nostro amico StuntMan Lanieri Natalino, osso duro poichè uomo di grandi battaglie (e cadute) motociclistiche, che si batte per avere dei bagni chimici durante il raduno di Luglio (o Agosto??? booh, non si sa) e per avere uno spazio attrezzato per allestire tende per i motociclisti che vengono dalla Germania durante il nostro raduno. Il nostro amico Natalino è supportato da tutti quei soci che amano andare veloce con le moto, quindi una folta schiera che gli frutterà tantissimi voti.

Per la lista n° 03 il candidato (a sorpresa) è Zio Enzo Cerenzia, rappresentante delle Harley Davidson e delle buone maniere di guida. Il candidato è giovane, però ha una grandissima esperienza in fatto di raduni Harley e di buone condotte di guida in gruppo, quindi anche lui darà filo da torcere al nostro amato Presidente. Zio Enzo è supportato dal Vice Presidente Pino (stanco del potere decisionale dell’attuale Presidente) e da molti altri fan delle Harley, perciò sarà una bella gatta da pelare per il nostro Presidente.

Le liste dovevano essere cinque, ma all’ultimo momento il canditato Salvatore Fezzigna (proprietario del ns. ritrovo) è stato boicottato dai propri supporters poichè considerato un tipo troppo alternativo e che cerca sempre lo scontro con il ns. attuale Presidente.

Beh, non ci resta che aspettare il 15 di Aprile quando ci sarà lo spoglio delle schede e sapremo il vincitore. In bocca al lupo e che vinca il migliore (speriamo il Presidente).

Ciao, alla prossima.

locandina del Presidente 

f66bbe16d7f8a448d7183193d0e2af13.jpg

 fac-simile scheda elettorale

f7a32727dd5972524d0e12a27b0f664f.jpg

P.S. come potete notare, io non dovrei avere delle preferenze, ma vista l’amicizia che ci accomuna, io tifo per il  Presidente, anche se devo ammettere che gli altri 3 sono degli ottimi candidati.

by A l d O b l A